Ho incontrato il Guercino

Categoria: Narrativa e storia locale
Autore: Franco Vergnani
Editore: Casa Editrice Freccia D'Oro
Edizione: brossura
Genere: storico
Pagine: 64
Anno: 2015

 

1666 - 2016.Trecentocinquanta anni dalla morte del Guercino. La Casa Editrice Freccia D’Oro, rinnovando il proficuo sodalizo con Franco Vergnani, presenta questo volume che rilegge, sotto alcuni punti di vista, la storia, la vita e le vicende del famoso artista centese. Durante il Rinascimento le forme d’arte elaborate che risentivano in parte ancora dell’antichità, con il Barocco trovarono un impulso di notevole sviluppo. Il Guercino fra gli artisti del periodo fu uno dei grandi protagonisti. Nelle vicende che riguardano fatti e personaggi che hanno fatto la storia del nostro mondo, confrontando diversi testi, consultando le ricerche fatte da storici di estrazione diversa, si possono riscontrare incredibili incongruenze, div

Franco Vergnani ha pubblicato per la Casa Editrice Freccia D'Oro diversi volumi di storia locale

La nebbia avvolgeva la piazza fino a farla quasi sparire alla vista dei pochi e frettolosi passanti. Le lampade dalla luce stanca che contornano il piccolo salotto di una Cento autunnale, faticavano a illuminarla; la sagoma del monumento del Galletti, dedicata al grande artista vanto e gloria della nostra città, s’intravedeva a fatica: bisognava avvicinarsi quasi a sfiorarlo per notare l’ennesimo sfregio che qualche ignoto - ignorante aveva lasciato alla base del piedistallo su cui poggia il Guercino. Rinunciai a farlo, rimandando, vista l’ora tarda e il freddo sempre più pungente, il soppraluogo al giorno successivo. M’incamminai verso casa, cercai di affrettare il passo per quello che la mia età mi permetteva di fare. Arrivato davanti al piccolo cancello che immette all’interno della mia casa, cercai inutilmente di trovare le chiavi per aprirlo, ma la borsa che porto sempre con me era stracolma come sempre di fogli di appunti, libri e cianfrusaglie varie, non riuscivo a trovarle. Mi venne in aiuto la luce del piccolo giardino che si trova fra il cancello e la porta d’ingresso della casa. Chi poteva essere ad averla accesa? Mia moglie certamente a quell’ora dormiva e di solito non accende mai la luce esterna.